SELF-MADE DESIGN

Oggi il design può essere considerato come un’opportunità per approfondire il rapporto con il mondo che ci circonda, suscitando riflessioni e dibattiti. Stiamo, infatti, assistendo ad un’autentica espansione del riciclo creativo, il self-made design. Se, da un lato, la cultura del riciclo creativo e del riuso serve per sensibilizzare su temi delicati come l’ecologia, dall’altra parte stiamo assistendo anche a sperimentazioni “creative” per mano dei designer.

Prima di pensare a come riutilizzare, dobbiamo ripensare al modo in cui inizialmente produciamo e far si che gli oggetti o i materiali utilizzati possano essere smaltiti senza scarti o facilmente riciclati.

Il self-made design può e deve riservare ancora piacevoli sorprese ed essere utilizzato come un vero e proprio metodo di arredo delle proprie abitazioni. Ci si può lasciar guidare dalla propria sensibilità oppure accettare i consigli di un bravo architetto per individuare gli oggetti di self-made design da inserire nel proprio arredamento. Ognuno, nel proprio piccolo, può fare qualcosa.

La nostra mission è quella di offrire opportunità lavorative a ragazzi che si trovano in situazioni di svantaggio con lo scopo ultimo di far scoprire loro il valore del lavoro e recuperare elementi del passato per renderli vivi e di valore nel presente; ogni persona è educabile come ogni oggetto è recuperabile.

 

LE OPERE DI DESIGN DI CONTRADA

Noi, nelle nostre opere di design, stiamo cercando di implementare l’utilizzo del legno, un materiale che si rigenera e di cui possiamo disporre in modo sensato e organizzato. Lo scorso anno abbiamo partecipato ad un evento molto importante per il mondo del design: il FuoriSalone, presso la location di Signorvino. Abbiamo presentato prodotti realizzati in legno di barrique, come testimonianza delle infinite possibilità di utilizzo della materia. Ci siamo messi in gioco, raccontando la nuova vita che possiamo regalare ai materiali.

 

LEGNO: BENEFICI ECOLOGICI ED ECONOMICI

Il ciclo vitale del legno può durare all’infinito con benefici ecologici ed economici. Riciclare il legno, dunque, significa risparmiare energia, migliorare lo stato qualitativo dell’aria e al contempo evitare gli sprechi. Un prodotto in legno danneggiato può essere riparato e tornare sul mercato, per allungare il suo ciclo di vita. Questo processo di riuso si chiama rigenerazione.

Non possiamo non consumare, ma possiamo farlo in modo intelligente e riusare, ricordandoci che la poesia di un oggetto, anche se di scarto, ha sempre bisogno di un gesto dell’uomo.